Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Trattati ultimi tre anni

 

Trattati ultimi tre anni

INFRASTRUTTURE E SERVIZI

 

Il territorio Angolano ha sempre di più l’aspetto di un grande cantiere, per la quantità di lavori di costruzione in corso. L’attuale rete infrastrutturale è in fase di sostanziale riabilitazione. Per quanto riguarda le infrastrutture di base, il Governo dà la priorità al recupero delle vie di comunicazione, telecomunicazioni, settore idrico e dell’energia elettrica, porti, aeroporti, edifici pubblici, opere di ingegneria idraulica e trasporti.

 

Trasporti: strade e ponti. Per quanto riguarda la rete stradale le necessità sono enormi: si tratta di una priorità assoluta per lo sviluppo del paese. Il sistema stradale   in condizioni pessime nel 2002,  è oggi fortemente migliorato grazie alla costruzione di oltre 1000 Km di nuove strade e ponti.

 

Trasporti: ferrovie. Le ferrovie angolane, suddivise in tre linee che corrono più o meno parallele dalla costa verso l’interno (da Luanda a Malange, da Benguela a Moxico, da Namibe a Kuando Kubango), un tempo trasportavano sino ad un massimo di 9,3 milioni di metri cubi di merci verso i porti atlantici, che ora si sono ridotti a livelli insignificanti. Data la loro importanza per la ripresa economica vi è urgenza di riabilitare le tre linee ferroviarie. Su finanziamento cinese è in corso di avanzata riabilitazione la ferrovia Luanda Malange. Il materiale rotabile è stato fornito dall'India. È stata anche riabilitata la ferrovia tra Luanda e Viana.

 

Trasporti: porti. I principali porti commerciali sono: Luanda, Lobito, Namibe, Soyo e Cabinda. Il porto di Luanda deve affrontare il crescente traffico derivante dallo sviluppo ed è attuamente in uno stato di perenne congestionamento. Il porto di Lobito è certamente favorito dall’assenza di una enorme metropoli alle spalle come Luanda, e sta dando prova di essere più agile e moderno. Tutti i porti, tuttavia, sono accomunati dalla necessità di interventi che li rendano più moderni ed efficienti.

 

Trasporti: aerei. Il trasporto aereo è centrale per l’economia angolana: vi sono 18 aeroporti provinciali e vari aeroporti municipali che necessitano di interventi ai fini dell’adeguamento della sicurezza e dell’efficienza agli standard internazionali. Sono iniziati i lavori per l’apertura del nuovo aeroporto di Luanda, che sarà di livello molto più alti rispetto a quelli delle altre provincie.
La compagnia aerea angolana TAAG che nel 2007 ha acquistato 6 nuovi Boeing per un miliardo di dollari, è tuttavia ancora iscritta nella lista nera europea e non può più operare nei cieli europei, anche se è previsto a breve un suo ritorno in Europa.
Sono molto attive con l'Angola l'Air France, la British Airways, la Air Brussell e ovviamente la portoghese TAP. L'ultima compagnia europea che ha inaugurato i voli con l'Angola è la Lufthansa.

 

Elettricità. La rete elettrica copre solo una minima parte del paese ed è ormai molto antica. Anche questo settore, ha un grande potenziale, legato alla necessità di sviluppo. Si calcola che gli investimenti necessari per le riabilitazione di tutto il sistema elettrico ammontino a circa 10 miliardi di dollari.

 

Acqua e sistema fognario. Le priorità del Governo sono la riabilitazione dei sistemi idrici e fognari di Luanda e delle capitali provinciali, la raccolta ed il trattamento dei rifiuti solidi urbani, il miglioramento delle condizioni nei quartieri periferici delle città.

 

In tutti i suddetti settori vi è la necessità di costruire tutto. Sono perciò numerose le opportunità di investimento in questa fase di ricostruzione, anche in un’ottica di una crescente integrazione economica coi paesi della SADC.

 

La Cina sta facendo la parte del leone nella attuale fase della ricostruzione angolana, fondamentalmente grazie ai crediti "garantiti dal petrolio", di circa 9 miliardi di dollari USA concessi al governo angolano dalla Eximbank, e da privati cinesi:  esempi emblematici della crescente presenza delle imprese cinesi sono i lavori su una vasta parte delle strade, delle ferrovie, il porto ed il nuovo aeroporto internazionale di Luanda, nonchè il nuovo Palazzo destinato all’Assemblea Nazionale.

 


26